logo


Home Attività Speleo Carsica Uscita grotta Santa Barbara
Uscita grotta Santa Barbara Stampa E-mail
Scritto da Crici   
Venerdì 29 Luglio 2011 10:20
Relazione su Santa Barbara
Uscita 20 giugno 2011
L’escursione, si è svolta in via del tutto eccezionale, come uscita fotografica.
Accompagnati infatti da Naseddu, previo accordo con l’Igea, io, Marcello e Claudia dell’Usc, abbiamo accompagnato i docenti del Corso di III livello di Fotografia in Grotta, all’interno di questa piccola bomboniera, che presenta un tratto turistico in passerella, ed uno breve speleologico.
Alla grotta si accede tramite una galleria mineraria, oggi percorsa da un trenino, e poi attraverso un ascensore, si arriva sino all’accesso del fornello che ha sfondato il pavimento dell’ambiente ipogeo, percorribile con una scala a chiocciola.
Si entra quindi in un mondo incredibile, un piccolo gioiello, un unicum al mondo.
I relatori, soprattutto i Francesi, rimangono particolarmente colpiti.
La grotta è situata all'interno della miniera di San Giovanni, è stata scoperta casualmente nell'aprile del 1952, durante lo scavo di un fornello.
Si è sviluppata in formazioni del Cambrico inferiore (circa 500 milioni di anni) ed è costituita da un unico grande vano. Ha dunque un grande salone ovoidale con delle diramazioni sia verso il basso che verso l’alto. Le prosecuzioni verso l’alto sono quelle più anguste, mentre nella parte inferiore si trova un piccolo lago. Ciò che rende unica questa cavità sono i cristalli tabulari di barite bruno scuro.
La deposizione dei cristalli tabulari di barite è seguita alla formazione di concrezioni semisferiche di calcite. Sono inoltre presenti stalattiti e stalagmiti di calcite candida localmente ricoperte da eccentriche di aragonite.
Bellissime e candide colonne arricchiscono lo spazio. Il punto migliore per fare foto è dove abbonda la baritina. Il percorso turistico permette di visitare buona parte della grotta. Per percorrere la parte speleologica è necessario avere attrezzatura completa. Il percorso è già armato.
La visita è molto interessante. L’ambiente è particolarmente studiato perché si cerca di conservarlo al meglio. Il numero dei visitatori viene limitato. Si limita inoltre il tempo di permanenza all’interno, e dopo tre ore siamo costretti ad andar via, poiché il custode reclama la chiusura per il pranzo.
Si spera di tornare presto per poter fare un giretto anche nella parte speleologica Laughing


Cristiana Cilla
Commenti
Cerca
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Agosto 2011 11:20
 


Copyright © 2019 Centro Studi Ipogei SPECUS. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.